18.11.2016

Please reload

Post recenti

Da gennaio 2017,  il popolare browser Google Chrome segnalerà come non sicuri tutti i siti che accettano connessioni HTTP non cifrate, rovesciando il...

https sito sicuro

6.4.2017

1/5
Please reload

Post in evidenza

Sicurezza informatica : “Siamo al medioevo digitale. A rischio aerei e smartphone”

October 15, 2015

Sicurezza informatica, parla Kaspersky: “Siamo al medioevo digitale. A rischio aerei e smartphone

 

«Primo problema: gli oggetti dell’età digitale – dagli smartphone agli aerei – non sono progettati per essere sicuri e protetti da eventuali attacchi informatici. Secondo: il cybercrimine è diventato un affare per professionisti. Terzo: nel settore sbarcheranno presto anche i terroristi». Non è certo uno scenario rassicurante quello che Eugene Kaspersky dipinge, per il mondo della tecnologia e per il mondo in genere. Chiamiamolo pure un allarme, e un invito a cambiare registro su più fronti, magari in fretta.

 

«Parlo di computer, notebook e smartphone, ma anche di tutti gli altri dispositivi connessi. Viviamo in un cyber-medioevo. Le nuove tecnologie hanno già cambiato il mondo, ma sulla sicurezza informatica l’industria è ferma a metà strada. Oggi i più vulnerabili sono i cellulari, le prossime potrebbero essere le smart tv. In generale: si susseguono innovazioni una dopo l’altra, con le aziende che si affannano ad arrivare sul mercato per prime. Ma non hanno il tempo per fermarsi e pensare a come rendere i loro prodotti più sicuri. E poi la sicurezza costa: il mercato oggi difficilmente ne accetterebbe il prezzo. Un giorno ci arriveremo».

 

«Sì, è arrivato il tempo anche di ripensare le cosiddette “infrastrutture critiche” in termini di sicurezza. Tante di queste – pensiamo alle centrali elettriche – sono state progettate prima dei computer e prima che esistessero gli attacchi informatici mirati. Ancora oggi si seguono i vecchi schemi, quando si costruiscono nuove strutture. Ma esempi di vulnerabilità ci sono già stati. A fine 2014, un’acciaieria tedesca è stata attaccata dagli hacker, che hanno indotto lo spegnimento d’emergenza dell’altoforno, con grandi danni. Nel 2008 si parlò di falle nella sicurezza dei Boeing Dreamliner, quando ancora non erano operativi».

 

«Con una combinazione di tanti elementi: è la somma di tecnologia e gestione. Prima regola: le infrastrutture devono dialogare su una rete separata rispetto a quella pubblica, con accesso limitatissimo. Pensiamo ancora alle centrali elettriche. Gli impianti devono comunicare tra loro per bilanciare la potenza erogata, ma dovrebbero farlo su una connessione dedicata solo a quello. Dev’esserci sempre un sistema che registra e controlla ogni anomalia nel funzionamento dei macchinari. E gli ingegneri che vengono per aggiornare i software non dovrebbero portare alcun dispositivo dall’esterno. È la strada per fermare lo scenario Stuxnet (il virus che sabotò l’impianto nucleare iraniano di Natanz ndr)».

 

«Perché vent’anni fa gli hacker erano teenager che creavano i loro virus e non facevano grandi danni. Ora è differente. I cybercriminali sono professionisti. La criminalità organizzata e le mafie tradizionali stanno assumendo sempre più ingegneri e informatici. E anche i terroristi arriveranno in questo spazio, è solo questione di tempo. Se aziende e governi non decideranno di risolvere i problemi di sicurezza delle infrastrutture critiche, temo che degli incidenti seri si verificheranno».

 

«Rendere la protezione così elevata e affidabile che un attacco informatico sia più costoso di un attacco con i missili. Un attacco informatico deve avere un ritorno negativo sull’investimento, non deve valerne la pena. In termini economici, ma anche di responsabilità: con la nuova protezione deve diventare anche evidente chi sia l’autore di qualunque attacco. Il nostro sistema operativo, cui stiamo lavorando, sarà un passo importante in tutto questo».

 

(fonte La Stampa

 

 

 

Please reload

© Omedra Srl unipersonale
Via Monte Cauriol, 10 / 38068 Rovereto (Trento) Italy
Phone : +39 0464.667109

Urgent : +39 0464.076500
Email : info@omedra.com
PEC: omedra@postagarantita.eu

Canale accreditato Sdi Sistema di Interscambio: 0UBR7BN

Partita Iva, Codice Fiscale e Numero Iscrizione Registro Imprese TN IT01861950226
Numero REA: TN-183035
Cap. Soc. Euro 60.000,00 Int. Vers.
Privacy Policy   
Cookies

Designed by Omedra 

Grazie per il tuo tempo / Thank you for your time

Saluti da Rovereto (Trento) Italy 
 

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Omedra Medium